Senza categoria

TECNICA PITTORICA DELL’AFFRESCO

La pittura murale è stata una delle prime forme d’arte: fin dal paleolitico infatti l’uomo ha iniziato ad esprimersi e a raccontare il mondo utilizzando i materiali messi a disposizione dalla natura, come rocce lisciate e decorate con pigmenti di origine minerale o fuliggine.

Ripresa anche dai greci, dagli etruschi e dai romani, la tecnica dell’affresco vede il suo periodo di massima diffusione attorno al XIII secolo, tuttavia sarà solo con artisti del calibro di Giotto e Cimabue che possiamo parlare di “vero fresco”.

affresco cappella sistina

Per realizzare un affresco è necessario operare su di un supporto costituito da 3 strati:

–          Il rinzaffo, composto da sabbia e calce che costituisce la prima stesura necessaria per livellare la superficie da tutte le sporgenze;

–          L’arricciato, ovvero un misto di calce spenta da almeno un anno e sabbia a grana grossa;

–          L’intonaco o tonachino, costituito anch’esso da calce spenta e sabbia ben setacciata a grana fine.

I pigmenti di origine minerale vengono stemperati con acqua sull’intonaco fresco ed applicati in diversi strati direttamente con il pennello.

A garantire la resistenza dell’affresco agli agenti chimici ed atmosferici è la reazione chimica denominata carbonatazione: la malta di calce, disidratandosi, produce un involucro trasparente che ingloba i pigmenti fissandoli in maniera definitiva sul muro. Ciò forma uno strato dall’aspetto di una crosta vetrosa denominato calcina.

Ca (OH)₂ + CO₂ CaCO₃ + H₂O

Al fine di garantire risultati eccellenti, è necessario prestare attenzione alla scelta dei materiali da utilizzare: innanzitutto è fondamentale che si utilizzi calce idrata o calce spenta, che essa sia perfettamente sigillata all’interno del suo involucro e che venga conservata in un luogo al riparo dall’umidità.

La sabbia deve necessariamente provenire dal letto di un fiume: sia la sabbia di origine marina che quella ferruginosa contengono infatti dei componenti che con il tempo rilasciano sostanze che macchiano irrimediabilmente la superficie dell’affresco. È fondamentale accertarsi che la sabbia sia perfettamente pulita, immergendone un piccolo quantitativo in un bicchiere d’acqua e mescolando: così facendo eventuali impurità diventano immediatamente visibili.

Anche la scelta della dimensione della sabbia deve essere estremamente meticolosa: maggiore è la dimensione dell’opera da realizzare e maggiore deve essere la dimensione della grana della sabbia, fondamentale nel dare la stabilità al supporto.

 

Meno importanza ha invece la scelta del pennello: l’azione caustica della calce causa infatti il rapido deteriorarsi degli strumenti con cui viene a contatto, danneggiandoli rapidamente.

Anche il muro stesso su cui lavorare deve essere scelto con attenzione: è la base dell’opera, pertanto è imperativo che sia perfettamente sano e non presenti macchie, chiodi, stuccature né tracce di cemento. Se il supporto si trovasse in una zona umida è preferibile sottoporlo ad un trattamento con acido cloridrico, in modo da eliminare muffe ed altri agenti dannosi che potrebbero compromettere il buon esito del lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.